Chiamaci per un preventivo+39 338 5322126 

Nuovo Fiocco

Denti e polpastrelli.

Se c’è una faccia sorridente nel tuo sito incomincia a preoccuparti. Il tuo sito non aumenta le visite delle persone se ci metti un po’ di donne e uomini che allargano la bocca per mostrare una corona di denti bianchi. La tua azienda non è uno studio dentistico. E la tua azienda non cattura l’attenzione quando brochure, cataloghi, house organ, pagine pubblicitarie, flyer, si riempiono di persone contente di digitare una tastiera, di rispondere al telefono con l’auricolare, di sfogliare un documento.

O di manager in camicia e cravatta che muovono il polpastrello per disegnare grafici e diagrammi, scrivere numeri e parole su un vetro trasparente. Non cattura l’attenzione anche e soprattutto perché – confessalo – quelle persone non sono persone che lavorano nella tua azienda, ma modelle e modelli di un set fotografico per un’immagine di cui hai comperato i diritti da una banca. È un’immagine finta. Pensi di farci una bella figura? Ma figurati! Hai idea di quanti siti ci sono nella rete che hanno

nello loro pagine immagini di quel tipo? Davvero hai dato i tuoi soldi a qualcuno perché faccia sorridere il tuo sito come sorridono tutti i siti in internet? Beh, c’è poco da sorridere. L’unico sorriso invece che dovresti strappare al visitatore o al lettore è un sorriso di soddisfazione per avere trovato nel tuo sito l’informazione che stava cercando. O un sorriso di assenso convinto per la descrizione originale e precisa di un prodotto che ha letto nella tua brochure o nel tuo catalogo. »

La scrittura con la marcia in più

Così, le persone continueranno a leggere ciò che scrivi se metterai la marcia in più alla tua scrittura. Arriverai a fare sentire a loro il piacere di quel suono se farai della melodia il motore del testo, dell’armonia le ruote su cui le frasi si muovono, del ritmo il cambio di trasmissione delle parole. Con la marcia in più trasferirai il suono generato dalla melodia del motore alle ruote dell’armonia. E lo farai con la selezione – di volta in volta – di un rapporto di trasmissione delle parole differente. Per accelerare dovrai dare alle parole una forza superiore alla resistenza che le parole scritte incontreranno in chi le leggerà: inerzia, attriti, pendenze. »

Grafica per le aziende

Nessuna azienda ha bisogno di una brochure, di un sito internet. Nemmeno la tua. Ciò di cui ha bisogno invece è un’immagine coordinata perché le persone possano riconoscerla. La brochure, il sito internet sono solo i mezzi per arrivare alla riconoscibilità. L’unico obiettivo della comunicazione è rendere riconoscibile un’azienda. La costruzione dell’immagine coordinata fissa gli elementi ricorrenti su tutti i mezzi di comunicazione. Un colore, un segno grafico, un logo, una font diventano i tratti inconfondibili per essere riconosciuti come un Van Gogh. »

Che cosa facciamo in Mamy

mamy si racconta

Facciamo quello che fanno tutte le mamme: procreiamo una voce e un’immagine. E lo facciamo per le aziende. La voce nasce dalla buona scrittura, l’immagine dalla grafica ospitale. La scrittura è buona quando fa sentire una voce chiara. La grafica è ospitale quando mostra un’immagine coordinata. Scriviamo la buona scrittura con la lingua madre, non con la lingua matrigna. Progettiamo la grafica ospitale con la disciplina della comunicazione organizzata, non con gli effetti speciali. Bonifichiamo la cattiva scrittura dall’inquinamento dell’antilingua. Puliamo l’immagine scoordinata di un’azienda dall’affollamento della caosgrafica. »

I CONTENUTI DI MAMY PER LE AZIENDE.
Agenzia di comunicazione di Vicenza.

FARE.
Il modo migliore di dire le cose.

SCRIVERE.
Fare passare il proprio sguardo attraverso la fessura della parola.

IMMAGINARE.
Là dove il mondo interiore e il mondo che ci circonda si toccano.

Cattiva scrittura

Fa la fila allo sportello. Rimbalza da un posto all’altro per trovare ciò che cerca. Gira a vuoto per avere una risposta. Il lettore si guarda attorno e capisce che non è dentro un ufficio pubblico in attesa, ma all’interno del testo di un’azienda. Non far fare al lettore la coda allo sportello della comprensione. Tu che cosa fai quando incontri la fila a uno sportello? Torni indietro? Cambi fila? Ti infastidisci, ma rimani in coda? Pensa a quante persone hanno preferito cercarsi un altro testo da leggere – un testo-chiaro – per trovare le informazioni di cui avevano bisogno, invece di rimanere in fila e continuare a leggere il testo-funzionario della tua azienda. »

Frasi per mantenere il filo del discorso

Una ragnatela di passaggi muove il filo del discorso tra parole vive, all’interno di frasi brevi. È la buona scrittura che segna la sua rete. Ricevi il filo del discorso, passi. Ricevi il filo del discorso, passi. Ricevi il filo del discorso, passi. Ricevi il filo del discorso, passi. Questa è la ragnatela di passaggi del Tiki-Taka della scrittura. Per realizzare il Tiki-Taka la caratteristica fisica che deve avere la frase è la brevità. Non fare lanci lunghi. Scrivi frasi corte e la tua scrittura non perderà il filo durante la partita. Avere il controllo del filo del discorso significa avere il controllo del lettore. »

Parole per comunicare

Esci dalla pozzanghera della cattiva scrittura: la buona scrittura è un mare aperto. Sali a bordo della lingua madre, spiega le vele della chiarezza, fatti portare a destinazione dal buon vento delle parole vive. Non fare della scrittura della tua azienda una scrittura d’ufficio. Rendila casalinga: scrivi in modo familiare, non impersonale. Trasforma ciò che scrivi in un luogo dove il lettore si senta a casa. Avvicina la tua scrittura alle persone, non tenerle a distanza. Le aziende pensano che la scrittura sia solo la ciliegina sulla torta. Invece, la buona scrittura è la torta. »

Un'azienda vale quanto la sua parola. Perché nella sua parola vive quello che l'azienda pensa. Scrivere parole chiare è già un modo per mantenerle.

Teatro per le aziende

teatro per le aziende

L’aspetto fondamentale del monologo teatrale è il suo carattere narrativo. La narrazione espone i fatti con un ingrediente inventivo, uno stile creativo, uno scopo attrattivo: accendere nel pubblico il desiderio di sapere che cosa succederà. Dare intensità al racconto di un’azienda significa avere la capacità di tenere nelle proprie mani l’attenzione dell’ascoltatore. Significa competere con il suo interesse a conoscere. La vita di un’azienda è fatta anche di questo: di una storia immaginata che vuole essere raccontata e di un pubblico che ha voglia di sentirla raccontare. Con un monologo teatrale. »

Grafica per farsi ricordare

grafica organizzata

Ciò che differenzia una buona comunicazione da una comunicazione che non è buona, è quello che accade all’inizio. Sommare tutte le componenti grafiche e di contenuto all'interno di un progetto di comunicazione e dare loro un’organizzazione chiara e stabile. Perché è solo con una comunicazione organizzata attraverso un coordinamento continuativo dell'immagine che l'identità di un’azienda potrà moltiplicarsi. E trovare nei destinatari a cui è rivolta una condivisione piena, espressa dalla riconoscibilità: l’unico obiettivo della comunicazione. La partenza – anche nella comunicazione – è tutto. »

Stati interessanti Strada e scrittura Scrivere scrivere Tutte le strade portano al punto finale, se le costruisce la buona scrittura. Avrai l’attenzione del lettore su ciò che scrivi, solo se farai attenzione quando scrivi. Pancione Architettura d'immagine Grafica immagine coordinata John McEnroe è stato un grafico dei campi da tennis. Con la sua racchetta poteva disegnare qualsiasi traiettoria sul foglio d’erba da gioco. Con il suo braccio segnava sempre punti vincenti.

Pancione Questione di grafica Grafica astratto L’immagine coordinata è l'immagine di un’azienda o di un prodotto, coordinata in misura tale che il cliente di quell’azienda o il consumatore di quel prodotto percepisca elementi unici e rilevanti. Concezionali Carver Scrivere scrittura A breve online. Stati interessanti La nostra logistica Mamy logistica Se è riconosciuta, allora è arrivata a destinazione. L’immagine di un’azienda va coordinata tra tutti i suoi mezzi di comunicazione. Con parole scritte bene. Con una grafica che ti ospita a bordo. Pancione Immersione nell'azienda Grafica immagine coordinata L’immersione più che a un unico grande tuffo assomiglia a tanti piccoli bagni. Con l’immagine coordinata applicata in tutti i mezzi di comunicazione l’azienda immerge il consumatore nella propria identità aziendale.

Concezionali Oltre la tela Mark Rothko Mark Rothko Nel suo lavoro a cavare, Mark Rothko ci porta là dove ha sempre voluto portarci. A riconoscerci. Dare, con cura e misura, un’organizzazione alla comunicazione di un’azienda vuol dire darle un'immagine coordinata. Significa renderla sempre riconoscibile. Pancione L'immagine dell'azienda Grafica immagine Più l’immagine dell’azienda è coordinata in tutti i mezzi di comunicazione, più il suo posizionamento è forte nella mente del consumatore. Stati interessanti Contenuti per le aziende Mamy contenuti per le aziende Come fa l’acqua a trascinare un sasso? È solo acqua. Un soffio di vento può davvero chiudere una porta? È solo vento. E come può l’immaginazione muovere la nostra vita? È solo immaginazione. Concezionali Non è il corpo che danza Pina Bausch Pina Bausch Grafica disegnata nell'aria. Teatro senza sceneggiatura. Ogni essere umano ha dentro di sé un curioso strumento che ci aiuta a orientarci nella ricerca di ciò che ci fa stare bene. A Wuppertal, viveva una donna in grado di muovere l'ago di quella bussola. Pancione Il bello di internet Progettazione web siti web In internet non c'è un inizio. In internet non c'è una fine. Pancione Immagine coordinata Grafica immagine coordinata Il controllo della propria immagine, i mezzi di comunicazione perfettamente collegati, un’identità precisa e coordinata: il vantaggio competitivo della riconoscibilità.