Stati interessanti >> Scrittura

12 maggio 2016

Tira fuori la tua lingua.

Pensa alle parole, non alle strategie. Impara a scrivere con la chiarezza della lingua madre. E taglia a pezzettini tutte le lingue matrigne che le strategie di marketing ti costringono a usare. Nessuna persona ti ascolta se continui a scriverti addosso. Buttale nel cestino. E inizia a scrivere alle persone.

Potresti morderti la lingua un giorno se non leggi questo testo fino alla fine. E se non inizi proprio da qui a riflettere su un fatto: le aziende non parlano la stessa lingua delle persone. Le prime si parlano addosso per superare la concorrenza. Le seconde parlano tra di loro per informarsi su un’azienda. Probabilmente, anche sulla tua.

Ma se continui a parlare solo alle tue orecchie – raccontando che sei leader di mercato con tecnologia all’avanguardia, che hai una vasta gamma di prodotti di eccellenza, che offri soluzioni innovative per ogni esigenza del cliente, che fornisci servizi con elevati standard qualitativi e massima professionalità – non riuscirai mai a entrare in quella conversazione.

Perché oggi per un’azienda non conta la presentazione altisonante, ma la relazione invitante. Apri gli occhi: è con l’interesse a conoscere delle persone che devi competere, non con le aziende concorrenti. E per farlo devi usare la lingua che parlano le persone: la lingua madre. La tua lingua dovrebbe battere solo dove la gente vuole: sulla chiarezza di un testo.

Un'azienda vale quanto la sua parola. Perché nella sua parola vive quello che l'azienda pensa. Scrivere parole chiare è già un modo per mantenerle. Quindi. Sbarazzati della lingua matrigna del marketing. Levati di dosso il linguaggio burocratico da Gazzetta Ufficiale. Proteggiti dall’inquinamento dell’antilingua. Svuotati delle vuote espressioni della scrittura d’ufficio.

Quando tutte le aziende del tuo settore dicono la stessa cosa, è dirla con la tua voce che fa la differenza. Sommare le frasi fatte dell’antilingua con la fuffa del marketing e la scrittura d’ufficio nasconde solo un fatto: che non hai nulla di invitante da condividere con il lettore. Non ti sottrarre alla chiarezza che devi a chi ti legge. Moltiplica i punti di vista per dare una voce alla tua azienda. È molto di più di cambiare il modo in cui scrivi. Vuol dire cambiare il modo in cui pensi.

E allora, pensa al lettore quando scrivi per la tua azienda. Spezza la tiritera e ferma i girotondi: scrivi guardando negli occhi il lettore, parlagli di ciò che conta. Stendi tra te e lui un filo diretto, non una matassa.

E allora, pensa a rendere chiaro ciò che vuoi raccontare al lettore. La buona scrittura è la scrittura che fa chiarezza, e mettere le cose in chiaro rende la vita facile alle persone. La chiarezza aiuta a mantenere le premesse e a contenere le promesse.

E allora, pensa un pensiero alla volta. Non mettere 14 concetti in ogni testo che scrivi. Suona sempre falso. Pensa a uno o due argomenti che potrebbero interessare il lettore e concentra lì la scrittura.

E allora, pensa come Einstein. Racconta quello che vuoi dire con una metafora. Albert Einstein un giorno spiegò la teoria della relatività con parole, non con formule e simboli matematici. «Metti la tua mano su una stufa calda per un minuto» – disse Albert – «e sembra un'ora. Siediti con una bella ragazza per un'ora, e sembra un minuto.» Con questa metafora – scritta con parole chiare e semplici – spiegò a tutti noi la formula E = mc2 della Teoria della relatività.

E allora, pensa alle parole, non alle strategie. Impara a scrivere con le parole vive, quelle che abitano tutti i giorni nella voce delle persone. Perché dopo avere pensato a Einstein, al lettore, alla chiarezza, all’argomento, puoi pensare alle parole da usare. Saranno solo quelle che vivono nella voce delle persone a dare vita alla voce della tua azienda.

Quindi, non perdere tempo con il marketing.
Entra nella lingua delle persone.
E tira fuori la tua lingua.

Andrea Ingrosso

Copywriter - Autore di contenuti per le aziende.

© 2017 Mamy

© 2017 Mamy

Contenuti per le aziende.

Camisano Vicentino - Vicenza

comunicazione@mamyadv.com

338 5322126