Concezionali >> Raymond Carver

1 settembre 2016

BYV, il virus virtuoso.

Un virus da cui tutte le aziende si difendono. Con azioni di profilassi che le proteggono dal contagio della buona scrittura. Così, la sterilità della comunicazione la trovi ovunque. E la chiarezza che cerchi diventa rara. Come la virtù.

È stato scoperto un focolaio di febbre per la buona scrittura. Il focolaio di un virus virtuoso. Si chiama BYV, BookYourVirus.

Colpisce i soggetti appartenenti alla famiglia degli alfabeti, sia domestici sia selvatici. I sintomi del virus li senti addosso, come un vestito ritagliato su misura. Una calorosa infiammazione cardiaca, un silenzioso dondolio dell'apparato respiratorio, il tuo sguardo che si allunga fino in fondo e non nuota solo in superficie. La chiarezza che ti aspetti perché le parole che leggi ti parlano. E poi l’empatia che sale e ti identifichi con quello che vedi e senti. L’aumento dell'attività onirica, conscia e inconscia.

Fino a oggi il virus virtuoso non era mai stato segnalato nel nostro territorio dalle autorità competenti. Gli scienziati che stanno studiando il caso sono riusciti a isolare il ceppo virale. Sostengono che si tratta di una mutazione del virus BYV, una sua particolare variante. I ricercatori l'hanno battezzata Raymond Carver. Codice identificativo: Una vita da scrittore – Nutrimenti Editore.

Il virus virtuoso è trasmesso con frasi del tipo «Nella giornata di ciascuno di noi ci sono momenti significativi che possono diventare buona scrittura. Bisogna stare all’erta e prestarci attenzione. È di quelli che bisognerebbe scrivere. Oppure «Se si può dire in 15 parole invece che in 20 o 30, allora dillo in 15. Le parole sono tutto quello che abbiamo, perciò è meglio che siano quelle giuste». E ancora «Ho fatto anche 20 o 30 bozze di un racconto. Mai meno di 10 o 12». O senti questa «9 volte su 10 un suggerimento serve. La decima volta, se non sei convinto, evita di seguirlo. Ignoralo. Mantieni la posizione». E infine questa: «Quando una cosa ti sembra complessa o complicata, scrivila per esteso e pensandoci bene, se necessario molte volte, finché non scorre e non esprime proprio quello che intendevi comunicare e nient’altro».

Il BYV è considerato uno dei virus virtuosi che più influenzano la buona scrittura nel mondo. Ma le misure di profilassi adottate in Italia dalle aziende ostacolano la sua diffusione. Il lavarsene le mani è una delle più usate e rientra in quel costume tipicamente italiano del «Non voglio saperne. Ho sempre scritto così. Perché dovrei fare la fatica di scrivere in un altro modo. Non lo fa neanche la concorrenza».

La disinfestazione dalle parole vive, dalla lingua madre, dalle frasi brevi è un’altra pratica di profilassi, la più eseguita dalle aziende. È il loro modo di proteggersi attraverso la scelta di parole morte, l’uso di una lingua matrigna, la costruzioni di frasi che non arrivano mai al punto. E che fanno fare al lettore la fila allo sportello della comprensione. Come la burocrazia.

Ma la profilassi delle aziende non si ferma solo alla forma. Riesce ad arrivare anche alla sostanza. Con la sterilizzazione della capacità di immaginare e quindi di generare contenuti originali. La sostanza sterilizzatrice entra in azione nella scrittura delle aziende con diversi modelli.

Realtà leader a livello internazionale, forte di sessant'anni di esperienza nel campo dell'elettromeccanica e oggi saldamente insediata ai vertici mondiali del settore. Con un’offerta di prodotti a 360° per soddisfare le esigenze del cliente. E una vasta gamma di servizi con alti standard qualitativi. Un’azienda moderna, forte di un know-how quarantennale, di un management competente, di impianti all’avanguardia e di un team motivato a svolgere un ruolo con la massima professionalità. Una serie di servizi integrati che nascono dalla passione per l’innovazione di processo e dalla consapevolezza che le imprese sono sistemi aperti in un mercato dinamico.

Quanta distanza dal lettore! Non basterebbe un satellite per misurarla. Sono invece le parole chiare che avvicinano il lettore. Se non ci fossero saremmo isole in secca. È una questione di marea: può essere alta o bassa, mossa o calma. L'importante è che ci abbracci, come le onde del mare fanno con le coste.

La scrittura non è un gioco: un dado che rotola o un imprevisto al posto di una probabilità. È la fatica di mettere la tua originalità al posto del prevedibile. La successione di parole vive che rotola verso l'abbraccio del lettore. Non stare con le braccia conserte. Abbraccialo. E contagialo.

L’Osservatorio di Virologia Virtuosa, focolaio del virus BYV, è impegnato nell’opera di diffusione dell'epidemia. Il gruppo di ricercatori ha stimato che il beneficio che la variante Raymond Carver del virus potrebbe trasmettere alla comunicazione delle aziende non ha precedenti nella storia della virologia virtuosa. Ma le limitate opportunità di contagio potrebbero compromettere la diffusione ed estinguere il virus.

Seguiremo il caso virale-virtuoso Raymond Carver e ci impegniamo a informarti sull'espansione dell'epidemia. O sulla scoperta di una nuova variante del virus BYV.

Andrea Ingrosso

Copywriter - Autore di contenuti per le aziende.

© 2017 Mamy

© 2017 Mamy

Contenuti per le aziende.

Camisano Vicentino - Vicenza

comunicazione@mamyadv.com

338 5322126